L’Agenzia per il trasporto pubblico locale è l’istituzione preposta, ai sensi dell’art. 7 della L.R. n. 6/2012, all’esercizio associato delle funzioni degli Enti locali, in materia di programmazione, organizzazione, monitoraggio, controllo e promozione dei servizi di trasporto pubblico locale, nel bacino territoriale di competenza.
L’Agenzia per il trasporto pubblico locale di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia, di seguito denominata Agenzia, è stata costituita il 27 aprile 2016 con Decreto dell’Assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia. Partecipano all’Agenzia i comuni di Milano, Monza, Lodi, Pavia, la Città Metropolitana di Milano, le province di Monza e della Brianza, Lodi e Pavia e la Regione Lombardia.
L’Agenzia è un ente pubblico non economico, ad esclusiva partecipazione pubblica e dotato di personalità giuridica e di autonomia organizzativa e contabile, ai sensi del D. Lgs. n. 163/2006.

Aree di competenza e funzioni
Le aree di competenza dell’Agenzia vanno dalla programmazione, regolazione e controllo dei servizi di trasporto pubblico, alle tariffe e agli standard qualitativi finanche alle attività di comunicazione e innovazione, in un’ottica di sistema dentro e tra i territori di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia, e in connessione con le altre località della regione.
In particolare, l’Agenzia si occupa di:

  • Redazione del Programma di bacino del trasporto pubblico locale, documento programmatico che definisce e programma i servizi di trasporto pubblico locale e la loro regolazione e controllo.
  • Approvazione delle modalità di affidamento dei servizi e sottoscrizione e verifica dei contratti di servizio.                     
  • Elaborazione del Sistema tariffario di bacino e definizione di agevolazioni tariffarie aggiuntive a quelle regionali, a carico dell’Agenzia stessa.
  • Programmazione e gestione delle risorse per il finanziamento dei servizi di trasporto pubblico locale.
  • Determinazione e monitoraggio degli standard gestionali, qualitativi, tecnici ed economici e verifica delle condizioni di viaggio minime applicate dai gestori e delle norme in materia di qualità e sicurezza del lavoro.
  • Promozione di servizi di informazione all’utenza per la comunicazione mobile e in tempo reale e sensibilizzazione all’utilizzo del trasporto pubblico.
  • Convocazione periodica della Conferenza locale del trasporto pubblico locale, per la consultazione, anche preventiva, degli stakeholder (associazioni di rappresentanza, mobility manager, imprese di trasporto pubblico,…) riguardo la programmazione e qualità dei servizi, i contratti di servizio, gli aspetti tariffari e i dati di monitoraggio.
  • Elaborazione di pareri e proposte per l’incremento dell’intermodalità tra i servizi ferroviari regionali e i servizi di trasporto pubblico locale.
  • Sviluppo di iniziative per l’integrazione del trasporto pubblico locale con nuove forme di mobilità sostenibile.
  • Ricerca di nuove forme di trasporto, anche tramite accordi con altri soggetti pubblici e/o privati.